5 errori da considerare nel tuo workout

Magazine

E’ molto frequente che, all’inizio di un programma di allenamento, magari anche associato ad una dieta, non si vedano immediatamente i risultati soprattutto se si tende a monitorarli soltanto in termini di peso. Associare i risultati esclusivamente ad un numero, così come appare sulla bilancia, può infatti essere fuorviante in quanto nel peso sono compresi muscoli, acqua, tendini, ossa, legamenti, organi, grassi e qualsiasi altra massa che fa parte del corpo. Quindi l’equazione peso=grasso tende ad essere incompleta se non distorta e soprattutto a demotivare la resistenza a perserverare verso gli obiettivi che ci si è imposti di peso e forma fisica.

In particolare, quando si ricomincia a fare attività fisica dopo una lunga inattività si tende ad immagazzinare una riserva di energia nei muscoli: una maggiore quantità di glicogeno che verrà utilizzata poi nel tempo e di cui i nostri muscoli sono stati carenti per troppo tempo. Se poi si considera che il glicogeno è composto di acqua di cui si ha bisogno per immagazzinare l’energia nei muscoli, è normale che l’aumento di peso possa dipendere anche da un aumento di liquidi nel corpo.

Oltre quindi ad aspettarsi troppo e subito dal proprio workout ci sono altri errori che bisogna prendere in considerazione e che potrebbero allontanare i tanto agognati risultati estetici. Eccone 5 che la maggior parte delle persone tende a sottovalutare.

Fare solo attività aerobica

L’attività aerobica è necessaria per bruciare grassi e il modo migliore per farlo è con un esercizio fisico di lunga durata, in quanto la prima forma di energia bruciata è il glucosio e, solo ad esaurimento delle riserve di glucosio, vengono bruciati i grassi. Se si desidera perdere peso, per bruciare i grassi, bisogna mettere anche massa magra e l’attività più indicata per farlo è quella anaerobica perchè innesca quel metabolismo basale che aiuta a dimagrire anche a riposo.

Non considerare che siamo sedentari

A parità di movimento è possibile bruciare di più. Se si ha un metabolismo basale alto e quindi si fa più attività fisica anaerobica o alternata, come ad esempio l’Interval training quel poco di energia che si brucia in più è molto preziosa perchè avviene durante la giornata, quando si è sedentari, considerando che l’attività fisica si pratica un’ora al giorno mentre per la maggior parte del tempo si conduce una vita sedentaria. Con il metabolismo basale più alto si brucia minuto dopo minuto anche senza fare attività fisica in quanto l’effetto del movimento ha una durata a lungo termine, che procede anche a sforzo fisico ultimato.

Smettere di fare attività fisica nel momento sbagliato

Quando si comincia a perdere peso perchè si è intrapresa una dieta, i primi chili che si perdono non sono di massa grassa ma di acqua e massa magra. Per arrivare a bruciare la massa grassa è necessario insistere e non fermarsi nella fase più difficile, quando cioè l’organismo entra in risparmio energetico ed invia segnali di risparmio: si diventa più stanchi e meno motivati ed aumenta la fame. E’ in questo momento che più che arrendersi bisogna cominciare un buon programma di attività fisica, che sia sport o fitness, perchè diventa irrinunciabile mettere massa magra. Nel momento in cui l’organismo è a dieta e sta perdendo massa magra si deve cominciare un workout adatto che brucia i grassi senza compromettere la muscolatura, anzi potenziandola.

Quando la dieta comincia a fallire bisogna tenere duro e fare esercizio fisico così si bruciano più calorie, anche a riposo, ed energia che fa aumentare la massa magra.

Variare solo gli esercizi

A variare non solo deve essere la tipologia di esercizi ma anche la durata, l’intensità e la frequenza. E’ risaputo infatti che la fitness routine va modificata altrimenti, non solo si rischia di annoiarsi ma di allenare sempre gli stessi muscoli, primo passo verso il sovrallenamento e la perdita di efficacia. Stessa cosa accade se non incrementiamo e decrementiamo con un programma ad hoc la durata, l’intensità e la frequenza, tutte variabili che modificano la composizione di massa magra e grassa nel corpo e dunque rendono realtà i risultati che ci si aspetta da un workout ben fatto.

Bere troppo

E’ giusto reintregrare i liquidi ma un’idratazione eccessiva può abbassare il livello di sodio nel corpo e causare crampi e nausea e, in generale, senso di malessere. Soprattutto se lo sforzo è prolungato è meglio sostituirla con delle bevande energetiche che ripristinano gli elettroliti. La quantità corretta richiede di bere 1dl di acqua ogni 15-20 minuti per tutta la durata dell’esercizio.

 

 

 

 

Posts by

Eliana Fortuna

Laureata in Scienze della Comunicazione, ha lavorato nel Marketing con specializzazione web. Approda alla comunicazione digitale, con il giornalismo. Attualmente content media editor per il blog/magazine del Forum e per il blog e i social di ANIF.

Leave a Comment

Back To Top

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull'uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni consulta la nostra informativa cookie.