Lo sport di squadra combatte la depressione

Magazine

Hai fatto sport di squadra da piccolo? Che tu abbia partecipato al campionato di calcio dell’oratorio o abbia segnato il goal della nazionale cambia poco… per il tuo cervello che comunque ringrazierà da grande! Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging i ricercatori della Washington University di St. Louis, negli Usa, hanno esaminato un campione di 4.191 bambini tra 9 e 11 anni intervistando i genitori e hanno scoperto che quando i bambini praticavano sport di squadra incorrevano molto meno frequentemente in episodi di depressione.

Cosa ha studiato la ricerca

La correlazione studiata è stata quella tra il volume dell’ippocampo e l’attività sportiva svolat dai bambini. In effetti la casistica medica ha rilevato che nelle persone con problemi di depressione il volume dell’area del cervello detta ippocampo è minore: l’ippocampo insomma tende a restringersi e tenendo come riferimento questa correlazione si è riusciti a risalire a legame che può esserci tra sport di squadra e depressione.
Sembra che a incidere positivamente sull’umore e sulla prevenzione di questa malattia fosse un qualsiasi sport di squadra perché alla base dell’influenza positiva c’era il supporto del gruppo, l’effetto benefico della socialità sul bambino o sul teenager.

Fattori che influiscono sulla prevenzione della depressione

Lo sport di squadra aiuta a combattere la depressione perché insieme con i propri coetanei, si impara il senso della condivisione, delle gioie per le partite vinte, ma anche della delusione per le sconfitte. Si impara a gestire la rabbia, a sviluppare rapporti sani, a collaborare per un obiettivo comune. Un altro aspetto positivo è il terzo tempo comprensivo del clima di aggregazione che si viene a creare nello spogliatoio che diventa un microcosmo di insegnamenti, passioni di gruppo, coesione sociale e spirito di gruppo.

Posts by

Eliana Fortuna

Laureata in Scienze della Comunicazione, ha lavorato nel Marketing con specializzazione web. Approda alla comunicazione digitale, con il giornalismo. Attualmente content media editor per il blog/magazine del Forum e per il blog e i social di ANIF.

Leave a Comment

Back To Top

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull'uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni consulta la nostra informativa cookie.